Spot pubbl. Contatti

Impressioni su Fantasia di Luci a Pabillonis - edizione 2008:

    

 

 

 

 

 

 

 

 

Un plauso va sicuramente all'iniziativa del Comune di Pabillonis, per il festival FANTASIA DI LUCI. 

Ormai giunto alla 3a edizione. Facendo conoscere artigianato, tradizioni e culture locali. Ma la vera attrazione di questa manifestazione sono senz'altro gli spettacoli pirotecnici. Che non ha paragoni in ambito regionale.

La manifestazione quest’anno 2008 cade nei giorni 30/31 Maggio,  l’1 e 2 Giugno.

Per far visita a questa edizione ho scelto la data del 31 Maggio, dovevano partecipare 3 ditte: Le italiane “SANTA BARBARA” e “GIORGIO OLIVA”, e la cinese “CHINA SUNSHINE FIREWORK” . Con la cornice non da poco del gruppo di Carla Denule. Il biglietto d’ingresso costa 5€ 

Scrivo al singolare anche se siamo 8 persone. Arrivo molto presto, le ore 20 circa, percorro a piedi i campi e la lunga strada che separa i numerosi parcheggi dalla meta. Il luogo è consono, in quanto la polvere da sparo è di casa qui nell’attrezzato e vasto campo di tiro al volo, a pochi Km dal paese. Un immenso prato verde, le toilettes sono nuove di zecca, migliaia di sedie in PVC ben allineate (solo il 1° giorno), profumi di ogni genere arrivano dai chioschi adibiti per sfamare i palati più svariati, dal panino con hot dog al maialetto arrosto,  dolci e bevande di ogni tipo. Non manca nulla, neppure nelle migliori Sagre trovi tutte queste cose insieme. Anche la gente appare cordiale e rassicurante.

Compro un panino senza la classica coda che di certo si formerà poi, e cerco un posto in prima fila.     << I fuochi visti da sotto sono un incanto, li consiglio >>

Mi seggo, mi armo di pazienza e attendo, ascoltando l’ottimo complesso di Carla Denule, pregustando il piacere per il quale ero lì…I BOTTI,  PUM-PAM-PUM... vaiiiiiiiiiiiii!

Sono ormai le 22 e dei botti  neppure un minicicciolo. Nel frattempo accade una cosa che quì evidentemente è usuale, poiché anche l’anno scorso è successa identica: Alcune persone anche di età avanzata, arrivano ciascuno con una sedia, presa da un altro punto e si piazzano lì. Davanti a me, davanti a noi, davanti ad altri. Come se nulla fosse. Con tutto lo spazio che c’è, ho l’amaro in bocca.  A nulla serve far loro presente l’irregolarità dell’azione. Io arrivo ore e ore prima, da fesso... Altri guappi con relativa seggiola  intasano stupidamente lo sbocco della corsia di emergenza.

Ad ogni modo a me intessano i fuochi, tanto quelli stanno sù e mi do pace.

Ovviamente a fine spettacolo, quelle sedie rimarranno là, ci potete scommettere.

A lor Signori dico: <<Sarete anche a casa vostra, (la disinvoltura era troppa) ma il buon comportamento è internazionale >>.

L’attesa è lunga e il freddo si fa sentire. Fortuna che ho un giubbotto che in parte mi protegge perchè  un po’ di vento ostacola l’inizio dei fuochi. << Bisogna aspettare che il vento si calmi >> annuncia con professionalità Carla Denule, fungendo da portavoce del comitato di Pabillonis fra una canzone e l'altra.

Ore 23:00 il Gruppo musicale Sardo continua magistralmente a cantare e suonare, il suono è ottimo. Perfetti i livelli dei singoli strumenti. La scelta dei costumi è ben curato, le tre violiniste oltre ad aggiungere piacevoli suoni, con le mantelline rosse completano l'immagine del gruppo. 

Mentre scrivo faccio una capatina al sito WEB della brava Carla: lo trovo di buon gusto e raffinato, ecco il link       

http://www.carladenule.it

 E’ tardi, forse la mezzanotte e mezza, non so di preciso. Ma finalmente parte la prima batteria di fuochi, sono quelli di Giorgio Oliva, durano circa 20 minuti e buon sangue non mente, figlio del Maestro Bruno. I fuochi sono stati stupendi.

Altra generosa dose di concerto musicale che dura troppo. Arriva la 2° batteria di botti di SANTA BARBARA. Gli occhi urlano la loro gioia per circa 16 minuti poi il buio nel cielo. Altra musica folk della bella Carla Denule group, che per quanto siano veramente brave ne ho le tasche piene.

Attendo i fuochi della CHINA SUNSHINE FIREWORK. L’annunciatore/presentatore/cantante/cowboy/musicista e la brava Carla Denule subiscono i fischi del pubblico spazientito e ormai non sanno più cosa dirci. Circa alle 2 del mattino si fanno coraggio e dagli altoparlanti si sente la voce di Roberto Nonnis che in sostanza dice: <<Per problemi tecnici i fuochi cinesi sono differiti a domani, potrete vederli presentando all’ingresso il biglietto di oggi >> e aggiunge <<  assisterete anche allo spettacolo piro musicale buona notte e un ringraziamento a tutti >>.

 Il piro musicale è uno spettacolo pirotecnico in sincrono con musica che lascia veramente senza fiato, da VEDERE E SENTIRE. Avendolo visto l’anno scorso, per nulla al mondo lo avrei perso.

Caspita, domani 2 esibizioni da calendario, più quella rimandata, più i fuochi piro musicali. Come fai a non venirci? Per di più gratis. Scherzo.

Quindi anche il giorno seguente 1° Giugno, chiamo un pò di amici e via… verso Pabillonis.  Arrivo rigorosamente molto presto e ecco la prima sorpresa: Il biglietto del giorno prima non è più riutilizzabile per intero. Si ha diritto solo a uno sconto del 40%.

Pago titubante 3 €  ma in fondo lo trovo giusto.

Non trovo giusto invece, che le sedie siano rimaste così come sono state lasciate la sera prima. Mi sono accorto di ciò perché ho riusato gli stessi posti, e davanti c’erano ancora le sedie usate dai furboni la sera prima disposte a casaccio. Anche altrove c’erano tante, troppe sedie rovesciate disseminate. Non tanto per me, ma per le persone che ho portato e che hanno pagato il biglietto per intero. Ai quali dissi:

<< Venite vi porto in un bel posto, tutto ordinato e molto a modo >>

Non so se alla prossima proposta mi seguiranno.

Panino senza code anche oggi e posto in 1° fila, anzi chiamarla 2° o 3° fila è più appropriato. Qui a Pabillonis la 1° fila è relativa e rafforza la teoria di Albert Einstein.

Altra dose di musica, stavolta del gruppo country PARINTHY COWBOYS,  capo banda sempre lui Roberto Nonnis con buon repertorio.

Ho notato la disinvoltura al microfono di Carol in arte Carol, corista e presentatrice, mi è piaciuta. Modula molto bene la voce e non si sente la cadenza sarda. Brava.

Ma la Valentina dell’opuscolo chi era? Boh!

Country con tanto di armonica a bocca a volontà  in attesa dei fuochi che oggi - ci dicono - dovrebbero avvenire al calar della sera.

Balle!!!    Overdose di complessino anche oggi, che pizza.

A bordo palco ci stanno le Harley Davidson in bella mostra.

Va però meglio di ieri, il clima è decisamente migliore, così come i tempi delle esibizioni.

E’ l’ora degli effetti pirotecnici della  FINAL FANTASY, partono e i miei occhi mi baciano per averli portati quì. Belli, molto belli, i fuochi non gli occhi.

Altra mezzora di contry music con un’amplificazione discutibile, molto meglio ieri. I tecnici della Denule  sono sopra di parecchio.

Partono i fuochi cinesi ed è un boato umano. 20 minuti circa di originalissimi effetti.

 Tutto contento attendo i sospiratI PIRO MUSICALI con i contry cowboys che strimpellano, acc…volevo dire suonano e cantano. Colpa dell’acustica.

Ed ecco la mia più grossa delusione, annunciata dal Nonnis che leggeva la scaletta aggiornata a penna: << Domani ci sarà lo spettacolo piro tecnico musicale >>  

La rabbia mi assale, << Ho sentito bene? >> chiedo a qualcuno che mi dice di si, e sbraito:  << CI AVETE PRESO IN GIROOOO >> rivolto verso Roberto anche se lui non centra nulla, e aggiungo a squarciagola: << IERI CI AVETE DETTO UNA COSA DIVERSAAAA >> poi riesco a dire anche volgarmente << ANDATE A CAGAREEEE >> e mia moglie mi blocca. E sento che il pubblico che ho dietro mi sostiene e usano termini ben più coloriti dei miei. Vado via quasi umiliato.

 

Ho analizzato l’andazzo dei ritardi dei fuochi e ed è vero che:

Non vi è un’ora precisa a riguardo sull’opuscolo. Va bene e lo capisco.

Più tardi si fanno i fuochi, più biglietti si vendono. Va bene e lo capisco.

Promettere fischi per fiaschi NON VA BENE E NON LO APPROVO!

 

Il 3° giorno, cioè oggi, preferisco scrivere questa lamentela invece che andarci ancora.

Basta ! Sono stanco, Pabillonis non è a un tiro di schioppo dal paese dove abito.

Ho fatto di tutto per i favolosi piro musicali, ma mi arrendo. E non so se tornerò l’anno prossimo.

 

Quanto scritto è realmente accaduto, qualche orario può non essere veritiero infatti uso il circa, gli annunci sono espressi non alla lettera ma nella sostanza. Il nome delle ditte pirotecniche potrebbero essere invertiti. Mi scuso per eventuali errori/orrori ortografici.

 

02/06/2008

 

Un Monserratino

D. Caredda  

 

 

  

   

  

 

Home  Fotoradio Suoni  JinglesName  MieiVideo WebCam  Contatti  TornaSu  Musica